Menu

Siamo qui per te anche in questo momento. A causa della crisi scaturita dalla diffusione del COVID-19, siamo costretti a cambiare il nostro modo di vivere e a mettere più distanza tra noi tutti. Cerchiamo, dal canto nostro, di agire al meglio date le circostanze: continueremo a essere operativi nella misura in cui ciò non metta in alcun modo a rischio la salute dei nostri dipendenti e dei fornitori. Accettiamo quindi ordini e provvediamo sia alla stampa che alla spedizione. Rimani insieme a noi in salute e con il cuore pieno di speranza!

x

Grafiche pixel e vettoriali: introduzione

Puoi creare i tuoi motivi su Spreadshirt scegliendo se optare per una grafica pixel oppure per una grafica vettoriale. Di seguito vogliamo illustrarti come utilizzare correttamente e come scegliere al meglio tra i due tipi di grafica per i tuoi motivi.

Punto per punto: la grafica pixel

Le grafiche pixel sono presenti nel tuo smartphone, nelle foto della tua digitale e sullo schermo del tuo computer. Pressoché tutte le foto prodotte da una macchina digitale sono grafiche pixel, il che vuol dire che le informazioni sull’immagine sono salvate nei singoli puntini colorati che la compongono. Quanto più i singoli pixel sono piccoli e dettagliati, tanto più la foto risulta nitida, mentre se i pixel hanno dimensioni troppo grandi e la risoluzione rimane bassa, la foto risulterà sfocata.

Se la risoluzione è troppo bassa, i pixel risulteranno chiaramente visibili.

Per questo motivo le dimensioni file di immagini ad alta risoluzione sono importanti, poiché esse sono composte da milioni di singoli punti immagine. A compensare c’è tuttavia il fatto che le grafiche pixel sono facilmente elaborabili su smartphone, tablet o computer anche da chi non ha conoscenze tecniche in materia. I programmi maggiormente usati a questo scopo sono Adobe Photoshop (commerciale) oppure Gimp (Open Source).

Diventa un pixel-nerd

Cosa va bene in formato pixel: foto oppure motivi molto dettagliati come illustrazioni, disegni e motivi con variazione di colore.
Tipi di stampa: stampa digitale, Laser Transfer, termosublimazione
Struttura: ciascuna grafica è costituita da un elevato numero di singoli punti (pixel).
Salvtaggio/dimensioni file: ciascun punto dell’immagine contiene le proprie informazioni sul colore. Facciamo un esempio: in un cerchio rosso costituito da 1000 pixel, in ciascuno di questi pixel è salvata l’informazione relativa alla posizione e al codice del colore.
Risoluzione: la risoluzione di un motivo è solitamente indicata in dpi (dots per inch). 200 dpi vuol dire ad esempio che nello spazio di ciascun pollice (= 2,54 cm) si trovano 200 punti immagine.
Perdita di qualità: quanto più la risoluzione di un motivo è contenuta (con un numero quindi più basso di punti immagine per pollice), tanto più è facile distinguere a occhio nudo i singoli pixel. Un ingrandimento dell’immagine in un caso del genere comporta una inevitabile perdita della qualità. Lo stesso accade però anche nel caso delle immagini ad alta risoluzione che siano state create in dimensioni molto ridotte.

Ottimizzazione delle grafiche pixel: consulta la risposta a questa domanda per capire come funziona.

Una linea dice più di mille pixel: le grafiche vettoriali

Nella nostra esperienza quotidiana incontriamo centinaia di volte grafiche pixel, mentre l’utilizzo di grafiche vettoriali è riservato a un pubblico più ristretto. I motivi creati con tecnica vettoriale non si traducono infatti in punti immagine, bensì in linee geometriche che a loro volta corrispondono a formule matematiche al momento del salvataggio. Il grandissimo vantaggio è che le grafiche vettoriali possono essere scalate a piacimento, senza mai perdere nulla in qualità: le informazioni sull’immagine sono ricalcolate di volta in volta, al variare delle dimensioni (renderizzazione).

Poiché le grafiche vettoriali contengono solo forme geometriche, sono molto piccole rispetto alle immagine create con la grafica pixel. Inoltre, la loro elaborazione è più complessa e necessita dell’utilizzo di programmi specifici, tra cui ad esempio Adobe Illustrator (commerciale) e Inkscape (Open Source). Come mostrano i nostri esempi, tuttavia, può davvero convenire creare un motivo in formato vettoriale.

Diventa un esperto di grafica vettoriale

Cosa va bene in formato vettoriale: motivi non troppo complessi e forme geometriche, come quelle delle scritte, dei loghi o in stile fumettoso, con al massimo 3 colori.
Tipi di stampa: stampa flex oppure stampa flock
Struttura: i contenuti delle immagini sono forme geometriche associate a formule matematiche (renderizzazione).
Salvtaggio/dimensioni file: sono salvate solo le informazioni necessarie a descrivere l’immagine dal punto di vista matematico. Nel caso di un cerchio rosso, le informazioni riguardano solamente la posizione del suo centro, il suo raggio e il colore di riempimento.
Modifica dimensioni in scala: nel caso di una grafica vettoriale non si può parlare di ingrandimento, bensì di modifica delle dimensioni in scala. Quel che avviene è un ricalcolo delle dimensioni del contenuto grafico.
Perdita di qualità: nessuna. Una grafica vettoriale può in teoria essere scalata all’infinito senza incorrere in perdite della qualità.

Ottimizzazione delle grafiche vettoriali. consulta la risposta a questa domanda per capire come funziona.

Questo articolo è stato utile?